giovedì 28 agosto 2014

CARO PD, LA REALTA' E' UN'ALTRA...

Stefano e Juri in consiglioCon questa lettera, pubblicata oggi sulla Gazzetta di Mantova, i portavoce del M5S in consiglio comunale Rosselli e Daolmi hanno risposto al capogruppo del Pd, che nei giorni scorsi aveva accusato il MoVimento 5 Stelle di avere fatto dell'antipolitica il proprio marchio di fabbrica. Ecco di seguito il testo:

"Dopo aver letto la lettera del capogruppo del Pd Diego Covizzi, che accusa il MoVimento 5 Stelle di fare dell’antipolitica il proprio marchio di fabbrica e l’opposizione di non avere fatto alcuna proposta relativa al bilancio, ci preme fare alcune considerazioni.
Forse il consigliere Covizzi dimentica che coloro i quali lui accusa essere i responsabili della dissennata conduzione politica degli ultimi vent’anni in Italia ora governano questo Paese al fianco di Renzi.
Tornando a Suzzara, forse il consigliere Covizzi dimentica anche che nel corso delle sedute delle tre commissioni consiliari, convocate nel mese di luglio, e poi nel corso del consiglio comunale del 29 luglio abbiamo avanzato diverse proposte alla maggioranza. Eccone alcune.
Abbiamo chiesto maggiore trasparenza nella stesura dei bilanci dell’Istituzione Città di Suzzara per comprendere meglio i costi dei singoli progetti e per valutarne l’efficacia, così come abbiamo proposto l’introduzione di procedure pubbliche e trasparenti per la selezione delle figure esterne, eventualmente necessarie allo svolgimento delle singole iniziative organizzate presso il centro Piazzalunga.
Abbiamo chiesto di riconsiderare la spesa di oltre 200.000 euro per la galleria civica a fronte di circa 8.000 euro di entrate e di avviare un percorso comune mirato da un lato a porre fine a questo inaccettabile squilibrio e dall’altro a valorizzare e rilanciare con risultati tangibili il patrimonio artistico della galleria.
Abbiamo proposto l’introduzione di agevolazioni per la fasce reddituali più basse per consentire a tutti i cittadini, anche quelli meno abbienti, di iscrivere i propri figli alla scuola comunale di musica.
Abbiamo fortemente criticato il piano delle opere pubbliche, facendo osservare che nel prossimo triennio non sarebbero previsti interventi di manutenzione consistenti sulle sedi scolastiche suzzaresi, nonostante i problemi lamentati da anni dalle famiglie; per la stessa ragione abbiamo criticato la scelta di investire 250.000 euro sul recupero della ex biblioteca di via Guido senza che nessuno abbia voluto spiegare il futuro utilizzo dello stabile. Abbiamo chiesto più ciclabili per i collegamenti con le frazioni, scoprendo che l’unica ciclabile prevista nel piano triennale sarebbe quella che collegherebbe viale Libertà a piazza Luppi per un costo stimato attorno ai 100.000 euro.
E’ vero che abbiamo criticato l’aumento della pressione fiscale a carico dei cittadini, così come è vero che insieme agli altri gruppi di minoranza avevamo chiesto lo spostamento a settembre della discussione sul bilancio, così come previsto legittimamente da una proroga concessa dallo Stato e così come fatto poi in altri comuni italiani.
Covizzi ha però stranamente omesso il motivo della nostra richiesta, che si basava sul fatto che essendo quasi tutti i consiglieri comunali (anche tra le fila della maggioranza) alla loro prima esperienza in consiglio comunale, il tempo concesso sarebbe stato utile per comprendere meglio e pienamente il bilancio e per poter formulare emendamenti e ulteriori proposte. Inoltre, si sarebbe potuto illustrare il bilancio alla popolazione in un ampio e articolato percorso di condivisione per raccogliere i suggerimenti, le osservazioni e le proposte dei cittadini. Invece si è scelto ancora una volta di presentare ai cittadini un bilancio già confezionato, ma la democrazia partecipata, caro Pd, è un’altra cosa".

Stefano Rosselli e Juri Daolmi
Gruppo consiliare M5S Suzzara

Nessun commento:

Posta un commento