STOP AI POLITICI NELLE PARTECIPATE!

Stefano e Juri in consiglioStop ai politici nelle partecipate del Comune. E’ stato uno dei temi ricorrenti della nostra campagna elettorale e adesso come gruppo consiliare del M5S abbiamo presentato una serie di emendamenti riguardanti la definizione degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti dell’amministrazione comunale presso enti, aziende ed istituzioni, che sarà in discussione nel consiglio del prossimo 3 novembre.
Abbiamo chiesto che i candidati che saranno scelti dal sindaco non abbiano presentato la loro candidatura alla carica di Sindaco o Consigliere Comunale alle ultime elezioni amministrative e che non abbiano ricoperto la carica di Sindaco, Consigliere Comunale o Assessore negli ultimi cinque anni ovvero che non abbiano ricoperto incarichi pubblici elettivi e di governo in altri enti negli ultimi quindici anni.
Per la maggioranza sarà un bel banco di prova: a parole in campagna elettorale hanno più volte parlato di rinnovamento e di essere svincolati dalle vecchie logiche di partito. Vedremo se anche nei fatti sapranno confermarlo, accogliendo la nostra proposta.
Nello scorso mese di giugno, dopo la presentazione di una serie di nostri emendamenti, il punto era stato ritirato dal sindaco. Adesso la delibera ritorna in consiglio comunale e una delle nostre proposte è stata recepita: avevamo chiesto maggiore trasparenza nella procedura di nomina attraverso una selezione pubblica e la delibera proposta stabilisce che sarà data pubblicità a questa procedura per informare la cittadinanza delle figure e dei requisiti richiesti. Chiederemo, però, che tutti i curricula che arriveranno siano resi pubblici e pubblicati sul sito del Comune, proprio per rendere completamente trasparente la procedura.
Sempre in tema di nomine, data la sua particolare forma giuridica e, soprattutto, data la particolare e delicata funzione che svolge in ambito sanitario, abbiamo presentato anche un’interpellanza per chiedere informazioni al sindaco sul prossimo rinnovo del consiglio di amministrazione della Fondazione “Boni”.

Commenti