MENSE SCOLASTICHE: RICHIESTA DI INFORMAZIONI DEL M5S DI SUZZARA

Locandinemense4Il gruppo consiliare del M5S di Suzzara ha depositato in Comune una richiesta di informazioni sulla qualità degli alimenti somministrati dal servizio di refezione scolastica del Comune di Suzzara, gestito dalla ditta “Cir Food” di Reggio Emilia. A fronte delle lamentele che sarebbero state espresse negli ultimi anni da diverse famiglie degli alunni che frequentano le scuole suzzaresi, è stata chiesta anche copia dei verbali relativi ai controlli effettuati nel 2013 e nel 2014 dai tecnici del Comune presso le mense scolastiche.
Inoltre, abbiamo richiesto l’elenco dei prodotti alimentari che vengono somministrati con la specificazione per ogni tipologia di alimento della marca e dello stabilimento di produzione, precisando, in particolare, l’eventuale utilizzo di prodotti di origine italiana biologica, Dop, IGP; l’utilizzo di materie prime fresche e non congelate/surgelate; l’eventuale utilizzo di prodotti provenienti da paesi extra-europei (carni, pesce, latte ecc...).
Infine, è stata chiesta copia dei menù settimanali del corrente anno scolastico (da settembre ad oggi) che sono stati somministrati nei tre ordini di scuola (infanzia, primaria, secondaria inferiore) presso i due istituti comprensivi della città.
Pensiamo che ci sarebbe bisogno di più educazione alimentare nelle scuole attraverso un percorso educativo continuo, che, per fare un esempio, non si esaurisca con la giornata vegetariana e che porti anche a ridurre lo spreco di cibo. La materia prima è importantissima, in quanto è la base di una pietanza salutare, piacevole e il cui sapore e le cui caratteristiche non decadono dopo pochi minuti dalla cottura. Ovviamente, a nostro avviso, gli alimenti somministrati dovrebbero essere quanto più possibile biologici e a km 0 ed è quello che vogliamo verificare attraverso la richiesta che abbiamo presentato.

Commenti

  1. Perfettamente d'accordo su queste richieste....oltre al biologico e km0 cerchiamo di ottenere menu scolastici con poca carne e limitare proteine animali ....mi pare che se ne usino troppe nei menù scolastici ma questo deve partire anche dalle famiglie degli studenti e non sarebbe male qualche incontro di educazione alimentare con pediatri oncologi ecc ecc .....favorire anche merende sane e uniche a metà mattina!! discorso molto ampio che andrebbe affrontato su larga scala dal comune ....famiglie .....commissioni mensa ecc ecc saluti e non mollate mai !'nn

    RispondiElimina
  2. Grazie Alberto!

    RispondiElimina
  3. Ottimo lavoro!
    purtroppo credo che la risposta sia la solita, come quella dataci dall'assessore alla pubblica istruzione di Mantova (Espedito Rose) : "alimentazione biologica?... troppo costosa e difficile da organizzare".
    In verità è che non sanno che pesci pigliare.
    Se vi può interessare, esiste una realtà di cucina per mense bio che attualmente serve alcune scuole materne e elementari di Brescia. Prepara piatti totalmente bio a circa 5,80 € al pasto completo.
    Ma il prezzo penso si possa concordare.
    La mia esperienza personale, avendo lavorato presso l'Assessorato alla Promozione Ambientale del Comune di Mantova dal 1991 al 95, arrivando a preparare circa 700 pasti al giorno completamente biologici, secondo le tabelle dietetiche dell'asl di allora, mi ha suggerito di intraprendere accordi diretti con le aziende bio, prenotando un le derrate (carote, patate, meloni, zucchine,fagioli, ecc...) a partire dal momento della semina, abbattendo in questo modo i prezzi del 50/60% rispetto al mercato.
    Ma questa operazione di acquisto sul campo è possibile solo se è il comune a gestirla, oppure se chi la gestisce è un super onesto a 5 stelle (ovviamente).
    Se vi interessa io sono Tabella Leonardo del gruppo Curtatone in Movimento, la mia mail : tabella.leonardo@libero.it

    a presto, ciao a tutti --- Leonardo

    RispondiElimina
  4. Grazie Leonardo! A presto

    RispondiElimina
  5. Utile e necessaria una verifica di cosa mangiano i nostri ragazzi, anche perché a fronte di numerosissime lamentele dei genitori (vedi questionari forniti dalla scuola ogni inizio di ogni a.s.) non si è mai ottenuta risposta. Strano che all'ultima gara di appalto per i pasti scolastici di Suzzara si sia presentata solo la CIR....
    Sarebbe utile anche avviare un progetto per portare a conoscenza i ragazzi di quali siano gli alimenti/comportamenti per un corretto stile di vita, così come stanno facendo nella scuola media di Moglia ad opera dell'Associazione onlus Angela Serra (collegata col centro oncologico Modenese).

    RispondiElimina
  6. Manuela, su questo tema stiamo organizzando un'assemblea pubblica, che si terrà alla sala civica di Suzzara, in via Montecchi, lunedì 9 febbraio alle ore 21, in cui parleremo di educazione alimentare nelle scuole, presentando alcuni progetti di associazioni che stanno lavorando in questa direzione, e raccoglieremo le osservazioni e le proposte delle famiglie per presentarle direttamente all'amministrazione comunale e ottenere risultati concreti.

    RispondiElimina
  7. vedo adesso che forse sono stata chiamata in causa visto che sono io quella del piccolo centro cottura in provincia di Brescia ! Vi confermo che il prezzo attuale del pasto alla scuola dell'infanzia Montessori che servo con ingredienti bio di produttori locali delle rete DES basso Garda è di 5,80. Strutturando il menù con materie prime vegetali e non facendo ricorso a buste di surgelati il prezzo si può contenere tantissimo. Questo argomento era stato oggetto di discussione in un convegno sulle mense bio dell'AIAB ed era emerso che un pasto convenzionale con pasta, carne e verdura surgelata costava sicuramente meno di uno bio di uguale composizione, ma un pasto bio con varietà di cereali anche minori e legumi con solo uova e formaggio senza carne né pesce poteva avere un costo anche minore!! se vi interessa vedere la nostra proposta ecco l'indirizzo www.mensanabio.it e sul sito dell'associazione "Il Sassolino" potrete leggere commenti e un esempio di vecchio menù (l'ultimo anno in cui c'era il pesce). Probabilmente apriremo un piccolo centro cottura in provincia di Mantova, se OT cancellate pure....
    grazie e scusate l'intrusione, buon lavoro a tutti!!!
    priscilla leone dietista/cuoca

    RispondiElimina

Posta un commento