martedì 24 marzo 2015

SPAZI SCOLASTICI: SERVE UN PIANO "B"!

PiazzalungaSi complica l’iter per la costruzione delle nuove aule scolastiche nella zona delle piscine: il finanziamento di 600mila euro, che la Regione Lombardia aveva concesso al Comune di Suzzara, non c’è più! Come trapelato ufficiosamente nei giorni scorsi e come confermato questa mattina anche dalla stampa locale, il Comune dovrà utilizzare esclusivamente risorse comunali per circa 1 milione e 300mila euro.
Se, come pare probabile, il Comune deciderà di procedere ugualmente alla realizzazione dello stabile, si compierà una scelta politica, secondo noi, rischiosa, perché per tutto il 2015, a causa del patto di stabilità, a Suzzara non si potranno fare nuovi investimenti in opere pubbliche.
Al di là di questa considerazione, questo progetto, che non è una nuova scuola, ma la realizzazione di cinque aule più un laboratorio e un’aula per gli insegnanti, è stato il fiore all’occhiello della campagna elettorale del Pd e rischia di trasformarsi in una vera beffa. Anche e, soprattutto, per le tante famiglie che hanno già iscritto i loro figli alla scuola primaria, confidando di poter usufruire dei nuovi spazi promessi dall’amministrazione.
A questo punto, a nostro avviso, è urgente avere un piano “B” per non rischiare di trovarsi impreparati a pochi mesi dall’inizio del nuovo anno scolastico, come purtroppo già accaduto diverse volte. Si potrebbe valutare di mettere a disposizione temporaneamente alcuni spazi del centro culturale “Piazzalunga”, adiacente e praticamente collegato all’istituto comprensivo 1, come, per fare un esempio, la sala del Poliedro, che è già un aula pronta per essere utilizzata. Ricordiamo che la cultura, quella vera, nasce nella scuola e il “sacrificio” di alcune sale del “Piazzalunga” potrebbe risolvere, seppur temporaneamente, la carenza di spazi scolastici a costo praticamente zero, tanto più che presto saranno disponibili e utilizzabili nuovi locali anche presso l’ex biblioteca di via Guido.

Nessun commento:

Posta un commento