sabato 20 giugno 2015

IL M5S CHIEDE DI ISTITUIRE UNA COMMISSIONE ANTIMAFIA


Dopo le notizie apparse negli ultimi mesi sugli organi di stampa locali, che hanno purtroppo confermato la penetrazione di fenomeni mafiosi anche nella nostra provincia, il MoVimento 5 Stelle di Suzzara ha presentato una mozione con cui ha chiesto l’istituzione di una Commissione Consiliare Antimafia, che abbia lo scopo di indirizzare l’Amministrazione comunale nell’attività di  prevenzione e di contrasto del radicamento delle associazioni di tipo mafioso e di promuovere la cultura della legalità democratica e dell’antimafia come elemento fondamentale per la crescita sociale, civile, economica di Suzzara e del Paese attraverso un rapporto forte e  sistematico con la cittadinanza.
L’organo, che non avrebbe costi a carico dell’ente, sarebbe incaricato delle eventuali attività di verifica della realizzazione di tutte le misure idonee a prevenire la corruzione e l’illegalità. Inoltre la Commissione avrebbe anche i compiti di elaborare e proporre all’Amministrazione comunale la predisposizione di idonei strumenti che incidano sui fattori che favoriscono il circolo vizioso della criminalità, con particolare riguardo al degrado urbano, alla mancanza di lavoro e agli ambienti familiari precari e disgreganti, favorendo l’azione convinta, sinergica e vigorosa di tutte le istituzioni e associazioni locali coinvolte nel miglioramento della qualità della vita della nostra comunità.
Infine, la Commissione potrebbe proporre all’Amministrazione la stipula di convenzioni e protocolli d’intesa con Prefettura, Camera di Commercio, pubbliche amministrazioni, ordini professionali, sindacati, enti e associazioni in materia di lotta alla mafia e alla corruzione.
Oggi più che mai è necessario prevedere ogni atto e iniziativa utili a sensibilizzare l'opinione pubblica per creare un tessuto sociale impermeabile alle mafie, così come è fondamentale insistere su progetti scolastici, coinvolgendo associazioni e soggetti (istituzioni, forze dell’ordine, associazioni, ecc..). che contrastino in prima persona le organizzazioni malavitose e parlando del fenomeno criminoso nelle scuole e in assemblee pubbliche, illustrando i danni sociali, economici e culturali che esso provoca.
 

Nessun commento:

Posta un commento