TRAFFICO IN AUMENTO, SOLUZIONI ZERO!

Ecco un resoconto sintetico di quanto avvenuto ieri sera in consiglio comunale.
Via Nievo-Via Villa Inferiore - Per il momento non sarà avviata alcuna sperimentazione per risolvere il problema del traffico: questa è stata la risposta alla nostra interpellanza da parte del sindaco Ongari, che ha precisato che a gennaio si procederà con la revisione della cartellonistica e si cercherà di realizzare la rotatoria dell'incrocio con via General Cantore.
Intanto il flusso della auto aumenta: dalle 10.000 al giorno siamo passati a quasi 13.000. Secondo il MoVimento 5 Stelle di Suzzara quella dell'amministrazione, che di fatto prende ancora tempo, è stata una non risposta che giudichiamo inaccettabile. Intanto 13.000 auto al giorno continuano a vomitare smog nei polmoni dei residenti.
Modifica al programma triennale delle opere pubbliche - Il M5S ha votato contro questo aggiornamento del piano. Grazie a un allentamento dei vincoli sul patto di stabilità per il 2016, saranno investiti circa 3 milioni di euro in opere pubbliche. Non condividiamo le scelte politiche che sono state fatte, presentando una serie di interventi che, a nostro avviso, non rispondono a un disegno vero e proprio, ma che sembrano voler accontentare un po’ tutti, dando risposta sì ad alcuni problemi della città, ma trascurandone altri, secondo noi, ben più gravi ed urgenti, a cominciare dall'adeguamento antisismico degli edifici scolastici, che, vista l'età media delle nostre scuole, avrebbe meritato maggiore attenzione.
Piano per il diritto allo studio - Su questo piano abbiamo espresso voto contrario, perché di fatto non aggiunge nulla a quanto già visto e sentito negli anni passati sia sotto il profilo delle risorse che sotto quello dell'offerta formativa predisposta dal Comune. Inoltre, osservando le proiezioni relative alla popolazione scolastica per i prossimi anni, si nota che, mentre il numero di alunni della primaria si avvia verso un lento ma graduale calo, il numero di iscritti potenziali alla scuola secondaria sarà in continuo aumento fino al 2021. Quindi, serviranno nuovi spazi, servizi più qualificati e adeguati ed edifici a norma sotto tutti i punti di vista. Di tutto questo al momento non vi è traccia.
Nulla di fatto, infine, per quanto riguarda la nostra mozione sui dispositivi di defibrillazione: sarà esaminata nella prossima seduta, che dovrebbe tenersi il 14 dicembre, insieme al resto delle mozioni rimaste in sospeso.


Commenti