sabato 5 dicembre 2015

VIA NIEVO-VIA VILLA INFERIORE, TUTELARE LA SALUTE PUBBLICA!

Vogliamo esprimere tutto il nostro dissenso e la nostra preoccupazione di fronte alla non risposta data dal sindaco Ongari al problema dell’eccessivo traffico di via Nievo e via Villa Inferiore. In consiglio comunale sono stati resi noti gli ultimi dati ufficiali, che parlano di circa 13.000 veicoli che transitano ogni giorno lungo una strada che attraversa un’area residenziale, che sfrecciano in mezzo a villette e condomini, vomitando smog ora dopo ora, giorno dopo giorno. In una realtà come la nostra (una cittadina di poco più di 20.000 abitanti) ci sembra un’assurdità, una potenziale emergenza dal punto di vista ambientale che merita la massima attenzione.
Crediamo che fra i compiti dell’amministrazione comunale vi debba essere, innanzitutto, la tutela della salute pubblica. Eppure questi dati non sono stati sufficienti per prendere una decisione e provare a cambiare la situazione attraverso una possibile modifica sperimentale alla viabilità. Non sono bastati un comitato di cittadini esasperati, che in oltre un anno e mezzo ha raccolto oltre 400 firme, come non sono bastati mesi di lavoro del tavolo della viabilità, dove, con l’aiuto di tecnici ed esperti di urbanistica, abbiamo provato ad individuare alcune possibili soluzioni. Non è bastata un’assemblea con i cittadini, in cui la stragrande maggioranza dei presenti ha espresso la sua preoccupazione per l’impatto ambientale provocato dal traffico.
Riteniamo sia importante sensibilizzare l’opinione pubblica su questa problematica, che non trova risposta adeguata da anni. Riteniamo che sia opportuno e urgente compiere una scelta per individuare una possibile sperimentazione, fra quelle prospettate, per tentare di dare una risposta in tempi rapidi ad una questione che si trascina da troppi anni e che rappresenta, a nostro avviso, una potenziale minaccia dal punto di vista dell’inquinamento ambientale e acustico per tutte le famiglie residenti nella zona (e non solo).
L’intervento sulla cartellonistica, preannunciato dal sindaco in consiglio comunale, a nostro avviso, è una misura insufficiente. Quando si parla di 13.000 veicoli al giorno e, soprattutto, quando si parla di viabilità, ci sembra evidente che non si cambiano le abitudini delle persone semplicemente con dei cartelli che suggeriscano percorsi alternativi; occorre attuare delle modifiche alla viabilità per indurre e forzare uno smistamento adeguato ed equlibrato dei flussi di traffico dei veicoli in ingresso e in uscita. Occorre, quindi, fare scelte coraggiose, che possono anche scontentare qualcuno, ma devono avere come denominatore comune la salvaguardia della salute dei cittadini. Ecco perché su questa vicenda chiederemo l’intervento dei nostri portavoce in Regione e in Parlamento e ci attiveremo affinché si effettui un monitoraggio delle condizioni ambientali dell’area interessata sotto il profilo dell’inquinamento dell’aria e acustico.

Nessun commento:

Posta un commento