lunedì 18 luglio 2016

DOVE SONO GLI ECO-COMPATTATORI?

Nei giorni scorsi il MoVimento Cinque Stelle ha depositato un’interpellanza per chiedere maggiori informazioni sulla mancata installazione di eco-compattatori sul territorio comunale. Infatti, dopo la nostra mozione, approvata in consiglio comunale oltre un anno fa, con cui l’amministrazione comunale si impegnava a promuovere e favorire attraverso opportune iniziative l’installazione sul territorio comunale di eco-compattatori in corrispondenza di aree pubbliche, scuole, esercizi commerciali e aziende private, al fine di innescare un circolo virtuoso finalizzato alla progressiva diminuzione della quantità di rifiuto indifferenziato, di questi dispositivi non vi è traccia a Suzzara.
Gli eco-compattatori sono dei contenitori per la raccolta differenziata in grado di compattare tappi di plastica, bottiglie in PET (o altri materiali plastici) e alluminio, grazie ai quali il volume del rifiuto viene ridotto di venti volte e consegnato direttamente alle aziende di riciclaggio senza passare dalla discarica, per essere separato e compresso, né dai siti di stoccaggio. Oltre a limitare l’impatto ambientale, l’eco-compattatore garantisce un risparmio economico, soprattutto nel lungo periodo: in 12 mesi può contrarre del dieci per cento il consumo di carburante per il trasporto dei rifiuti e aumentare del 4,5 per cento la quantità di plastica raccolta, sottraendola dalla immondizia indifferenziata, che rappresenta un costo non indifferente per le amministrazioni cittadine.
Questi dispositivi, sempre più diffusi presso numerosi comuni italiani, possono essere installati presso aree pubbliche, scuole, musei, supermercati, cinema e teatri, aziende private; grazie ad apposite tessere e alla possibilità di misurare la quantità di plastica e alluminio destinata al riciclaggio da parte di ogni singolo cittadino, si potrebbe attuare su larga scala il principio secondo cui più si ricicla, più si risparmia. Inoltre, in molte realtà italiane, grazie ad apposite convenzioni, i cittadini virtuosi vengono premiati con buoni per la spesa o validi per particolari sconti.
Con questa interpellanza, che sarà discussa nel prossimo consiglio comunale, il M5S chiede di conoscere con precisione i motivi alla base della mancata installazione degli eco-compattatori sul territorio comunale e se l’amministrazione intenda dare attuazione all’impegno assunto con l’approvazione della mozione, precisando modalità e tempi di realizzazione.

Nessun commento:

Posta un commento