venerdì 3 agosto 2018

NOTIZIE DAL CONSIGLIO COMUNALE

Lunedì scorso il MoVimento 5 Stelle era l'unica forza di opposizione presente in consiglio comunale per sostenere e presentare le richieste e le segnalazioni della cittadinanza. E' stata l'ennesima dimostrazione di come il nostro MoVimento, sempre propositivo nel sua azione politica in questi quattro anni, abbia tutte le carte in regola per aspirare a portare anche a Suzzara nel 2019 il governo del cambiamento. Ma vediamo nel dettaglio una sintesi del nostro operato nel corso della seduta.
VIA NIEVO. In risposta alla nostra interpellanza sul mancato avvio della sperimentazione del traffico in via Nievo, l'assessore Bianchi ha confermato che il ritardo sarebbe di tipo tecnico-burocratico e che la modifica sperimentale, se a breve sarà affidato l'appalto per la segnaletica, prenderà il via entro la fine del mese di agosto. Quella del senso unico ridotto al primo tratto di via Nievo proposto dall'amministrazione comunale non ci soddisfa pienamente, perché avremmo preferito una soluzione più radicale estesa a tutto il tratto fino all'incrocio con via General Cantore. Inoltre, abbiamo appreso che tra settembre e ottobre arriverà la relazione finale dell'Arpa sul monitoraggio della qualità dell'aria.
PARCOMETRO DI VIA MAZZINI. Il M5S ha ribadito la propria contrarietà a qualunque tipo di sosta a pagamento nei parcheggi della nostra città: anche in via Mazzini sarebbe stato più opportuno mantenere il sistema del disco orario, magari riducendo la durata della sosta consentita, invece di far ricadere ulteriori costi sui cittadini. In risposta alla nostra interpellanza, abbiamo appreso che non è possibile spostare il nuovo parcometro per motivi legati all'allacciamento elettrico, ma che per agevolare l'accesso da parte di tutti gli utenti, in corrispondenza della colonnina, sarà ricavato un ulteriore posto auto per portatori di handicap.
EMERGENZA LAVORO. Abbiamo chiesto un impegno preciso da parte dell'amministrazione e di tutte le istituzioni del territorio per spingere le imprese a garantire maggiore stabilità ai lavoratori, riducendo il ricorso ai contratti a tempo determinato. I numeri, infatti, dimostrano che nel distretto suzzarese vi sarebbero ancora oltre 2000 disoccupati e che le situazioni di bisogno, attestate dalla Caritas, sono in continuo aumento nella nostra città.
PROGETTO PER STOCCAGGIO DI AUTOVEICOLI DI VIA VENETO. Su questo punto il M5S si è astenuto, perché avremmo preferito avere più tempo a disposizione per esaminare e approfondire il progetto che presenta indubbie potenzialità, ma anche, a nostro avviso, criticità. Ad esempio, abbiamo sottolineato come il parcheggio di autoveicoli che servirà per il terminal ferroviario per la spedizione dei furgoni a marchio Iveco nel nord Europa e la ricezione dei rimorchi Krone risulterebbe troppo distante dallo scalo ferroviario di futura realizzazione. Inoltre, la realizzazione di un parcheggio per camper, di cui Suzzara ha effettivamente bisogno, nell'area industriale ci lascia molto perplessi; avremmo preferito una sua collocazione in una zona più centrale della città o in un'area più rilevante e attrattiva dal punto di vista paesaggistico.
LOTTA ALLA MAFIA. Come abbiamo scritto nei giorni scorsi, il consiglio comunale ha approvato all'unanimità la nostra mozione con cui abbiamo chiesto di conferire la cittadinanza onoraria della nostra città al magistrato Nino Di Matteo per dare una segnale forte di promozione della legalità e di lotta alle mafie.
"PIU' PARTECIPAZIONE? NO, GRAZIE". E' stata, invece, bocciata la nostra mozione per chiedere di attivare tutti gli atti necessari ad introdurre nell’ordinamento del Comune di Suzzara lo strumento del referendum propositivo e abrogativo senza quorum. Per il Pd questo "non è il modo per avvicinare le persone alla politica". Nessuna sorpresa, ovviamente, ma la consapevolezza che la strada per arrivare alla democrazia diretta e a strumenti che consentano una partecipazione ampia della cittadinanza sulle questioni più rilevanti che riguardano la città sia ancora lunga.
PROBLEMI DELL'ACQUEDOTTO. La nostra terza mozione chiedeva di attivare un tavolo di lavoro composto da tecnici ed esperti, per esaminare le problematiche sempre più frequenti che riguardano la rete idrica, a fronte delle numerose proteste e segnalazioni dei cittadini. Abbiamo anche chiesto che siano pubblicate sul sito del Comune ogni mese le informazioni relative alla pressione e alla qualità dell'acqua erogata. Mozione, purtroppo, bocciata dal Pd.

martedì 31 luglio 2018

APPROVATA LA MOZIONE M5S PER LA CITTADINANZA AL MAGISTRATO DI MATTEO

Un importante segnale per la lotta alle mafie è stato lanciato ieri sera dal consiglio comunale di Suzzara grazie alla mozione presentata dal Movimento 5 Stelle per chiedere che venga concessa la cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo. La mozione pentastellata è stata approvata all'unanimità, esprimendo con questo gesto vicinanza, piena solidarietà, senso civico e morale ad un uomo, simbolo di un’Italia che con dedizione, impegno e senso del dovere, porta avanti il proprio lavoro di ricerca della verità, nonostante le violente pressioni a cui lui e i suoi familiari sono sottoposti.
Il nostro gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle ha voluto far emergere con un atto condiviso del consiglio comunale la vicinanza e solidarietà a chi come magistrato rischia la vita tutti i giorni per combattere le mafie.
Antonino Di Matteo, detto Nino, è un magistrato italiano, che dal 1999 ha iniziato ad indagare sulle stragi di mafia, in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e gli agenti delle rispettive scorte, oltre che sugli omicidi di Rocco Chinnici ed Antonino Saetta. In seguito alle minacce ricevute, Di Matteo è stato sottoposto ad eccezionali misure di sicurezza.
E' nostro dovere coltivare la passione civile ed evitare di adeguarci alla deriva prevalente di un Paese sempre più indifferente alla giustizia, insofferente alla verità, all’indipendenza della magistratura e alla tutela vera dei valori costituzionali.
Riteniamo, quindi, che sia doverso conferire la cittadinanza onoraria di Suzzara al magistrato Nino Di Matteo per dare un ulteriore segnale nella logica di non lasciare soli i servitori dello Stato, che svolgono con diligenza il proprio lavoro, per l’attività che sta svolgendo e i rischi a cui è esposto.
Auspichiamo che ogni Comune italiano si senta in dovere di mandare un messaggio forte, chiaro ed inequivocabile di grande solidarietà.

lunedì 30 luglio 2018

LAVORO, PARCOMETRO, TRAFFICO, DEMOCRAZIA DIRETTA, CITTADINANZA A DI MATTEO E RETE IDRICA IN CONSIGLIO

Ci saranno tre interpellanze e tre mozioni del Movimento 5 Stelle nella seduta del consiglio comunale in programma questa sera alle 21 presso la sala consiliare, a testimonianza del nostro costante impegno per portare all'attenzione dell'amministrazione comunale le problematiche della città e le segnalazioni dei cittadini, traducendo questo enorme lavoro in proposte concrete e realizzabili.
La prima interpellanza riguarda la questione di via Nievo: chiederemo i motivi per i quali non è ancora stata avviata la sperimentazione annunciata la scorsa primavera. La questione, infatti, è ancora irrisolta e non sono bastati quattro anni di proposte, segnalazioni e raccolte firme dei cittadini.
In seguito affronteremo il problema del nuovo parcometro di via Mazzini: chiederemo all’amminstrazione comunale di precisare se nei primi giorni di introduzione del nuovo parcometro e, quindi, prima di eventuali sanzioni agli automobilisti, siano stati informati in modo adeguato i cittadini attraverso la messa in posa di cartelli e/o comunicazioni che avvisavano dell’entrata in funzione del nuovo dispositivo a pagamento. Chiederemo, inoltre, di provvedere ad una nuova dislocazione del parcometro, in una posizione più agevole e maggiormente accessibile all’utenza.
La terza interpellanza riguarda il mercato del lavoro e la crescente precarietà che interessa anche il territorio suzzarese. Chiederemo quali iniziative concrete abbia avviato o abbia in programma a breve l’amministrazione comunale in sinergia con le altre istituzioni del territorio, per dare una risposta concreta alla problematica della precarietà, della disoccupazione e del reinserimento lavorativo di chi ha perso il lavoro in questi anni. Al di là dei proclami della sinistra, come attestano gli ultimi dati disponibili relativi all’anno 2016, nella nostra provincia vi sarebbero circa 14.000 disoccupati, di cui oltre 2300 nel territorio suzzarese e se anche vi fosse stata in questo ultimo anno e mezzo una diminuzione del numero di disoccupati, questa sarebbe esclusivamente spiegabile con la forte crescita di avviamenti con contratti flessibili, tempi determinati in particolare, e la forte riduzione del numero dei tempi indeterminati. La situazione di crescente precarietà della realtà suzzarese è testimoniata anche dai dati della Caritas, che attestano come, rispetto al 2016, per il 2017 lo stato di bisogno non sia diminuito con ben 760 situazioni che si sono presentate agli operatori per chiedere un aiuto, di cui 142 per la prima volta.
Più tardi, nel corso della seduta, presenteremo tre mozioni. Con la prima chiederemo di attivare l’iter ovvero tutti gli atti necessari ad introdurre nell’ordinamento del Comune di Suzzara lo strumento del referendum propositivo e abrogativo senza quorum minimo, un passo decisivo verso la democrazia diretta per coinvolgere sempre di più i cittadini nei processi decisionali.
In seguito, presenteremo la mozione per chiedere di mettere in atto tutte le procedure previste per il conferimento ad Antonino Di Matteo, detto Nino, della cittadinanza onoraria di Suzzara, esprimendo con questo gesto vicinanza, piena solidarietà, senso civico e morale di una comunità che intende rendere omaggio ad un uomo, simbolo di un’Italia che con dedizione, impegno e senso del dovere, porta avanti il proprio lavoro di ricerca della verità, nonostante le violente pressioni a cui lui e i suoi familiari sono sottoposti.
Infine, la terza mozione riguarda i problemi della rete idrica. Chiederemo di valutare la possibilità di creare un tavolo di lavoro, composto da esperti e professionisti del settore, per avviare un’analisi approfondita delle condizioni e dei malfunzionamenti della rete idrica al fine di confrontarsi sulle possibili soluzioni. Inoltre, chiederemo di pubblicare con regolarità e tempestività sul sito internet del Comune di Suzzara i dati relativi alle analisi condotte sulla qualità e la pressione dell'acqua, in modo che i cittadini possano verificare direttamente e in modo agevole quanto emerso.



venerdì 27 luglio 2018

VIA CURTATONE, BARRIERE ARCHITETTONICHE DA ABBATTERE

In seguito alle segnalazioni pervenute da parte della cittadinanza e a un sopralluogo effettuato recentemente, i consiglieri comunali del M5S hanno presentato una richiesta all'amministrazione comunale, segnalando che in via Curtatone e Montanara, nonostante l’intervento realizzato nel 2016 di riqualificazione dei marciapiedi e di abbattimento delle barriere architettoniche, permangono in diversi punti dislivelli e ostacoli, proprio in corrispondenza di alcuni attraversamenti pedonali, che rendono difficoltoso se non impossibile l’attraversamento per i portatori di handicap e le persone con difficoltà motorie.
In particolare, in corrispondenza di alcuni attraversamenti, l’abbattimento delle barriere è stato realizzato solo sul lato oggetto della riqualificazione, mentre il lato opposto presenta ancora un gradino, impossibile da superare per chi è costretto a muoversi su una carrozzina.
Il MoVimento 5 Stelle, pertanto, ha chiesto che si ponga rimedio al più presto, provvedendo all’abbattimento delle barriere architettoniche in corrispondenza di tutti gli attraversamenti pedonali di via Curtatone e Montanara, per rendere sicuri e agevoli ai disabili e alle persone con difficoltà motorie tali passaggi pedonali.

mercoledì 18 luglio 2018

LAVORO, SERVONO RISPOSTE URGENTI: INTERPELLANZA DEL M5S DI SUZZARA

Il Movimento 5 Stelle a Suzzara in questi quattro anni di mandato all’opposizione ha mantenuto costante la sua attenzione alle problematiche locali del lavoro attraverso la presentazione di atti ufficiali, la promozione di un consiglio comunale aperto sul tema e una serie di iniziative pubbliche con la partecipazione di esponenti politici nazionali, che hanno registrato l’interesse di numerosi cittadini.
In una recente intervista, pubblicata sul periodico locale “L’Eco di Suzzara”, il sindaco ha dichiarato che “l’economia industriale del nostro territorio è tornata a livelli precedenti la grande crisi”, ma il quadro occupazionale della nostra realtà, purtroppo, appare ben diverso.
Come appreso dal servizio apparso sulla “Gazzetta di Mantova” il 23 marzo scorso, “nel 2017 il tasso di disoccupazione della provincia di Mantova ha rosicchiato 1,3 punti percentuali rispetto all’anno precedente, scendendo dall’8,7% al 7,4%. Risultato che l’affranca dalla maglia nera tra le dodici provincie lombarde, passata sulle spalle fragili di Como (8,4%). Ma il sollievo è relativo, il nero si è solo sbiadito in grigio: Mantova è seconda in questa classifica alla rovescia, dove al fondo si sta decisamente meglio che in vetta”.
Come attestano gli ultimi dati disponibili relativi all’anno 2016, nella nostra provincia vi sarebbero circa 14.000 disoccupati, di cui oltre 2300 nel territorio del distretto suzzarese e se anche vi fosse stata in questo ultimo anno e mezzo una diminuzione del numero di disoccupati, questa sarebbe esclusivamente spiegabile con la forte crescita di avviamenti con contratti flessibili, tempi determinati in particolare, e la forte riduzione del numero dei tempi indeterminati.
La situazione di crescente precarietà della realtà suzzarese è testimoniata anche dai dati della Caritas, che attestano come, rispetto al 2016, per il 2017 lo stato di bisogno non sia diminuito con ben 760 situazioni che si sono presentate agli operatori per chiedere un aiuto, di cui 142 per la prima volta.
Per tutte queste considerazioni, abbiamo chiesto con un'interpellanza depositata nei giorni scorsi quali iniziative concrete abbia avviato o abbia in programma a breve l’Amministrazione comunale in sinergia con le altre istituzioni del territorio, per dare una risposta concreta alla problematica della precarietà, della disoccupazione e del reinserimento lavorativo di chi ha perso il lavoro in questi anni.
A conferma della situazione di estrema precarietà arriva oggi sulla "Gazzetta" l'appello alla mobilitazione da parte dei sindacati proprio in riferimento alla realtà suzzarese.

sabato 23 giugno 2018

INTERPELLANZA DEL M5S SUL NUOVO PARCOMETRO DI VIA MAZZINI

Nei giorni scorsi, presso il parcheggio di via Mazzini, è stato installato un nuovo parcometro in sostituzione dei precedenti dispositivi obsoleti, acquistato per un costo pari a circa 13.949 euro. Da diversi anni i precedenti parcometri erano malfunzionanti o guasti e non venivano più utilizzati dai cittadini, ormai abituati a servirsi unicamente del disco orario.
Il posizionamento del nuovo parcometro, a nostro avviso e come fatto notare da diversi cittadini, sarebbe scorretto, in quanto, essendo rivolto verso le aree di sosta, la presenza di autovetture parcheggiate lo renderebbe non sempre agevolmente accessibile.
Fra l'altro, il Movimento 5 Stelle ha più volte espresso la propria contrarietà all’adozione di parcometri a pagamento nei parcheggi della città, perchè in questo modo si andrebbe a gravare gli stessi cittadini suzzaresi di un ulteriore costo da sostenere; riteniamo che sarebbe, quindi, stato sufficiente mantenere gratuita la sosta nell’area di via Mazzini, attraverso la regolamentazione tramite disco orario.
Per questi motivi il M5S ha presentato un'interpellanza per chiedere all’amminstrazione comunale di precisare se nei primi giorni di introduzione del nuovo parcometro e, quindi, prima di eventuali sanzioni agli automobilisti, siano stati informati in modo adeguato i cittadini attraverso la messa in posa di cartelli e/o comunicazioni che avvisavano dell’entrata in funzione del nuovo dispositivo a pagamento. Abbiamo, inoltre, chiesto all’amministrazione comunale di provvedere ad una nuova dislocazione del parcometro, in una posizione più agevole e maggiormente accessibile all’utenza.

martedì 12 giugno 2018

PARCO LA QUERCIA? MA ANCHE NO...

Ieri sera, il M5S, su invito del sindaco, ha partecipato all’incontro con le altre forze politiche presenti in consiglio comunale per confrontarsi sulla proposta pervenuta dalla Fondazione Ds in merito alla possibile acquisizione del parco La Quercia.
La nostra posizione è molto chiara: il M5S è fortemente contrario ad ogni ipotesi di acquisizione da parte del Comune dell’area del parco “La Quercia” per svariati motivi. Innanzitutto, è bene che i cittadini sappiano che stiamo parlando di un’area con enormi costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, che improvvisamente ricadrebbero sulla testa dei cittadini stessi, così come sarebbe assolutamente inopportuno che la situazione debitoria di un privato venisse in qualche modo sanata a spese della comunità; si creerebbe, fra l’altro, un precedente altrettanto inopportuno.
Riteniamo anche che Suzzara abbia già numerose e meravigliose aree verdi adatte ad ospitare eventi e manifestazioni importanti, che potrebbero essere sfruttate meglio, come quella del parco delle scienze, per fare solo un esempio, centralissima e già attrezzata con un punto di ristoro. Nelle immediate vicinanze si trova anche il teatro “Guido”, un patrimonio che non dobbiamo dimenticare e sul quale bisogna continuare a puntare per un futuro recupero. Non vi è, quindi, la necessità di investire in un’area, fra l’altro, decentrata come il parco La Quercia, che andrebbe ad allontanare ancora di più i suzzaresi dal centro storico della città, che, invece, secondo noi, merita maggiore attenzione.
Infine, come lo stesso sindaco ha specificato, non sussistono le condizioni previste dalla legge, perché l’amministrazione comunale possa procedere all’acquisizione, ovvero le condizioni di indilazionabilità e indispensabilità, che dimostrerebbero il perseguimento di fini istituzionali “indispensabili”.

mercoledì 30 maggio 2018

M5S A FAVORE DELLA MOZIONE CONTRO I FASCISMI, MA IL PD RIFIUTA GLI EMENDAMENTI PROPOSTI.

Nel consiglio comunale di ieri sera è stata discussa e votata anche una mozione presentata dalla maggioranza PD con la quale si intendeva vietare la concessione di patrocini e spazi pubblici a gruppi di persone le cui idee si ispirino apertamente al fascismo e che, quindi, in questo, contrastino con la Costituzione.
Abbiamo cercato di arricchire con due emendamenti il testo della mozione, proponendo di estendere il divieto anche a chi si ispira a ideologie politiche, sociali e religiose che non abbiano nel rispetto della vita umana e della libertà democratica un valore fondante e una pratica riconosciuta. I consiglieri piddini hanno subito sollevato perplessità e avanzato incomprensibili richieste di chiarimento, così abbiamo ricordato loro che la prima metà del secolo scorso era stata contraddistinta anche dal regime comunista totalitario di Stalin e che, quindi, sarebbe stato opportuno ampliare anche ad altre ideologie la limitazione. Il secondo emendamento presentato dal M5S, invece, era relativo a una procedura tecnica di adeguamento della modulistica in base ai nuovi principi introdotti dalla mozione stessa.
Come si poteva ben capire, il nostro intento era quello di ampliare la tutela proposta dalla mozione del Pd, estendendola alle innumerevoli forme di non rispetto dei principi della Costituzione italiana che oggi più che mai si manifestano (o che potrebbero manifestarsi) sul piano sociale e politico, senza snaturarne comunque la componente antifascista.
Proprio per sottolineare quanto la componente antifascista fosse per noi importante, abbiamo ricordato che in occasione dell'insediamento nel consiglio comunale di Sermide e Felonica di un gruppo politico dalla esplicita ispirazione fascista, non Fiano, non il Pd o altri hanno intentato un ricorso al TAR contro quella candidatura per ripristinare la legalità, ma il nostro deputato pentastellato Alberto Zolezzi, da solo, a sue spese.
I nostri suggerimenti e le nostre intenzioni comunque non sono stati colti dalla maggioranza, che ha rifiutato gli emendamenti con la motivazione che lo strumento che si andava a creare sarebbe potuto poi essere usato in modo troppo discrezionale e arbitrario.
Malgrado ciò e nonostante le speranze di molti simpatizzanti della (cosiddetta) sinistra suzzarese, che sono soliti etichettarci come "populisti e fascisti" un giorno sì e l'altro pure, il nostro voto favorevole alla mozione non è mai stato in discussione e abbiamo, infatti, votato a favore della mozione contro i fascismi.
Registriamo, invece, il voto sorprendentemente contrario di Suzzara Civica, fra l'altro, proprio nella stessa sera in cui i civici hanno anche presentato un'interpellanza, a nostro avviso inopportuna, per chiedere come mai i cittadini di via Ravera non fossero stati informati dell'affitto di un immobile dislocato in quella via, che sarà adibito a luogo di preghiera in occasione dell’osservanza del Ramadan.

martedì 29 maggio 2018

PARCO "LA QUERCIA", REFERENDUM SENZA QUORUM E CITTADINANZA A DI MATTEO: L'IMPEGNO DEL M5S STASERA IN CONSIGLIO

Stasera alle 21 torna a riunirsi il consiglio comunale. Il MoVimento 5 Stelle presenterà un'interpellanza sul parco "La Quercia" e due mozioni: una per chiedere l'introduzione del referendum senza quorum e una per la cittadinanza onoraria al magistrato antimafia Nino Di Matteo.
Interpellanza. In base alle notizie apprese dalla stampa locale, la Fondazione Ds avrebbe formulato un’offerta all’amministrazione comunale riguardante l’acquisto del parco “La Quercia” in cambio del saldo della situazione debitoria relativa all’area in oggetto.Riteniamo che tale proposta, se confermata, non sia assolutamente accettabile per il fatto che l’eventuale debito di circa 300 mila euro, ricadrebbe sulla testa dei cittadini di Suzzara; inoltre, i suzzaresi dovrebbero, in seguito, sobbarcarsi i costi non indifferenti per il mantenimento e la manutenzione dell’area; la vicenda sarebbe ancora più paradossale, perché in questo modo il Comune, amministrato dal Partito Democratico, si troverebbe nell’imbarazzante e, a nostro avviso, inopportuna condizione di dover sanare, a spese di tutta la comunità, la situazione debitoria riguardante l’area gestita da sempre dallo stesso PD per l’organizzazione della sua festa di partito. Chiediamo, quindi, all’amminstrazione comunale di illustrare i contenuti della proposta ricevuta e di precisare quali siano le intenzioni della maggioranza in merito alla proposta e al futuro dell’area del parco “La Quercia”.
Mozioni. Il MoVimento 5 Stelle di Suzzara ha depositato una mozione per chiedere all'amministrazione comunale di attivare l’iter necessario ad introdurre nell’ordinamento del Comune di Suzzara lo strumento del referendum propositivo e abrogativo senza quorum minimo ovvero senza una soglia minima percentuale di votanti che renda valida la consultazione (quorum zero). Con la mozione è stato chiesto, quindi, di modificare lo Statuto Comunale e, se necessario, ad introdurre un Regolamento Comunale che disciplini i referendum senza quorum.
Il referendum è uno strumento di esercizio della sovranità popolare, sancita all'art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana, e l'esito referendario costituisce, secondo la dottrina prevalente, fonte del diritto primaria che vincola i legislatori al rispetto della volontà del popolo.
La legislazione Italiana, a livello nazionale, non pone veto agli strumenti di “democrazia diretta e partecipata” nel caso fossero posti in essere a livello locale. Secondo la legislazione vigente, quindi,  le amministrazioni locali possono scegliere se svincolare dalla consistenza del corpo elettorale le proprie consultazioni referendarie, incoraggiando e promuovendo il principio del “chi partecipa decide”, come hanno già fatto numerosi Comuni in Italia.
Pensiamo che sia di fondamentale importanza attuare tutti gli strumenti idonei a favorire e incoraggiare la partecipazione dei cittadini al governo della città, fra cui l’introduzione nello statuto comunale degli strumenti del referendum propositivo e del referendum abrogativo senza quorum per consentire ai cittadini di pronunciarsi rispetto a scelte fortemente impattanti sul tessuto urbano o sociale secondo il principio “chi partecipa decide”.
Infine, se ce ne sarà il tempo, presenteremo la mozione per chiedere che venga concessa la cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo, esprimendo con questo gesto vicinanza, piena solidarietà, senso civico e morale di una comunità che intende rendere omaggio ad un uomo, simbolo di un’Italia che con dedizione, impegno e senso del dovere, porta avanti il proprio lavoro di ricerca della verità, nonostante le violente pressioni a cui lui e i suoi familiari sono sottoposti.
Il nostro gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle vuole far emergere con un atto condiviso del consiglio comunale la vicinanza e solidarietà a chi come magistrato rischia la vita tutti i giorni per combattere le mafie.



mercoledì 23 maggio 2018

CITTADINANZA AL PM NINO DI MATTEO, MOZIONE DEL M5S

Il Movimento 5 Stelle di Suzzara ha depositato una mozione per chiedere che venga concessa la cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo, esprimendo con questo gesto vicinanza, piena solidarietà, senso civico e morale di una comunità che intende rendere omaggio ad un uomo, simbolo di un’Italia che con dedizione, impegno e senso del dovere, porta avanti il proprio lavoro di ricerca della verità, nonostante le violente pressioni a cui lui e i suoi familiari sono sottoposti.
Il nostro gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle vuole far emergere con un atto condiviso del consiglio comunale la vicinanza e solidarietà a chi come magistrato rischia la vita tutti i giorni per combattere le mafie.
Antonino Di Matteo, detto Nino, è un magistrato italiano, che dal 1999 ha iniziato ad indagare sulle stragi di mafia, in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e gli agenti delle rispettive scorte, oltre che sugli omicidi di Rocco Chinnici ed Antonino Saetta. In seguito alle minacce ricevute, Di Matteo è stato sottoposto ad eccezionali misure di sicurezza.
E' nostro dovere coltivare la passione civile ed evitare di adeguarci alla deriva prevalente di un Paese sempre più indifferente alla giustizia, insofferente alla verità, all’indipendenza della magistratura e alla tutela vera dei valori costituzionali.
Riteniamo, quindi, che sia doverso conferire la cittadinanza onoraria di Suzzara al magistrato Nino Di Matteo per dare un ulteriore segnale nella logica di non lasciare soli i servitori dello Stato, che svolgono con diligenza il proprio lavoro, per l’attività che sta svolgendo e i rischi a cui è esposto.
Auspichiamo che ogni Comune italiano si senta in dovere di mandare un messaggio forte, chiaro ed inequivocabile di grande solidarietà e chiediamo a tutte le coscienze civili e democratiche del Consiglio Comunale, di non lasciare solo questo coraggioso magistrato e di sostenere la mozione, mettendo da parte bandiere ed appartenenze politiche.
La mozione è stata inserita all'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale del 29 maggio.

mercoledì 16 maggio 2018

VENERDI' 18 MAGGIO ALLA 21 IL M5S INCONTRA I CITTADINI DI SUZZARA

Venerdì 18 maggio, alle ore 21, presso la sala civica di via Montecchi, il Movimento 5 Stelle organizza un incontro pubblico per ascoltare le osservazioni e le proposte dei cittadini.
L’ascolto delle proposte e delle osservazioni dei cittadini è alla base di tutta la nostra azione politica. Non sono solo parole, ma è la filosofia che anima da sempre il nostro movimento, che indirizza le nostre azioni in consiglio comunale e che sta alla base della costruzione del nostro programma in vista delle amministrative del 2019. Proprio con questo spirito abbiamo lanciato nei giorni scorsi una nuova iniziativa nel segno della partecipazione e del confronto con i cittadini: “5 Domande per una Suzzara a 5 Stelle”, con cui invitiamo i cittadini a compilare un questionario per individuare le problematiche più urgenti della realtà suzzarese, gli obiettivi prioritari che dovrebbe avere il governo del vero cambiamento per Suzzara. Di questo e di molte questioni aperte si parlerà venerdì sera: dai problemi della viabilità a quelli dell’ambiente, dalla mancata valorizzazione delle eccellenze del territorio all’emergenza lavoro e molto altro ancora, toccando anche il tema della vicina fusione tra Motteggiana e Pegognaga.

mercoledì 2 maggio 2018

DOMANI SERA CONSIGLIO COMUNALE: DUE INTERPELLANZE E UNA MOZIONE DEL M5S

Domani sera alle ore 21 torna a riunirsi il consiglio comunale. Tra i punti all'ordine del giorno vi sono due interpellanze e una mozione del Movimento 5 Stelle.
Nella prima interpellanza riproporremo il problema di via Zara Chiaviche, nella frazione di San Prospero: in prossimità della curva (direzione Villa Saviola) si sono verificati numerosi incidenti con autoveicoli che si sono schiantati più volte contro l’abitazione situata al civico 14. Gli automezzi continuano a transitare lungo questa strada spesso a velocità sostenuta, mettendo a rischio l’incolumità dei residenti e di chi dovesse percorrerla a piedi o in bicicletta.
Considerato che la cittadinanza ha più volte segnalato all’amministrazione comunale la pericolosità della situazione, chiedendo di trovare una soluzione per ridurre la velocità degli automezzi attraverso l’installazione di dossi, chiederemo quali soluzioni siano state individuate dall’amministrazione comunale per risolvere la questione, garantendo maggiore sicurezza ai residenti.
La seconda interpellanza riguarda la piattaforma ecologica di via Donella, che necessita da anni di essere potenziata, come più volte sottolineato dal Movimento 5 Stelle in consiglio comunale. Soprattutto in questa stagione, la situazione è spesso caotica e pericolosa, con decine di auto in colonna lungo strada Donella e altrettante bloccate all’interno della struttura: chi non riesce a entrare e chi non riesce ad uscire dopo avere conferito il verde o altro materiale nelle apposite aree. Inoltre, la piattaforma è chiusa sia il martedì che il giovedì per l’intera giornata e la mattina del venerdì, con il risultato che spesso, nel resto delle giornate di apertura, vengono a crearsi situazioni di caos e disagio per gli utenti. Il Movimento 5 Stelle ha chiesto ripetutamente, anche recentemente, in consiglio comunale che la piattaforma ecologica venga potenziata e ampliata per renderla più idonea alle necessità dell’utenza e garantire maggiore sicurezza ai cittadini che vi si recano per conferire e differenziare correttamente i rifiuti.
Con questa interpellanza chiediamo se l’amministrazione comunale intenda sottoporre al più presto a Mantova Ambiente la questione della riqualificazione della piattaforma ecologica, stabilendo tempi e modalità precise dell’intervento e se sia possibile procedere da subito a un ampliamento degli orari di apertura della piattaforma, per cercare di evitare che gli utenti si concentrino solo in alcuni giorni e scongiurare potenziali situazioni di pericolo.
Infine, presenteremo anche la nostra mozione per chiedere all'amministrazione comunale di attivare l’iter necessario ad introdurre nell’ordinamento del Comune di Suzzara lo strumento del referendum propositivo e abrogativo senza quorum minimo ovvero senza una soglia minima percentuale di votanti che renda valida la consultazione (quorum zero). Con la mozione è stato chiesto, quindi, di modificare lo Statuto Comunale e, se necessario, ad introdurre un Regolamento Comunale che disciplini i referendum senza quorum.
Vi ricordiamo che è possibile seguire la seduta anche in streaming dal sito del Comune di Suzzara. Ecco l'elenco completo dei punti all'ordine del giorno:

Sessione Question Time ore 21,00

Interpellanza presentata in data 16.04.2018 dal Gruppo Consiliare “Movimento 5 Stelle” relativa alla messa in sicurezza di via Zara Chiaviche nella frazione di San Prospero
risponderà l’Ass.re Bianchi

Interpellanza presentata in data 28.04.2018 dal Gruppo Consiliare “Movimento 5 Stelle” sulla piattaforma ecologica di strada Donella

OdG ore 21,05
Comunicazioni del Sindaco

Esame delle Osservazioni, controdeduzioni e approvazione Variante n.2 al Programma integrato di intervento n.6 “Cantelma” situato in Suzzara, ai sensi dell’art. 14, commi 2, 3 e 4 della L.R. 12/2005 e s.m.i.

Istanza via Nievo-Villa Inferiore superamento dei limiti di rumore

Ordine del Giorno presentato in data 19.09.2017 dal Gruppo Consiliare “Forza Italia – Berlusconi per Guiducci” relativo alla chiusura di strade comunali per manifestazioni private, e se ciò è da considerare occupazione di suolo pubblico

dalle ore 22,00 si affronteranno le seguenti mozioni che illustreranno i rispettivi presentatori:
Mozione presentata in data 22.01.2018 dal Gruppo Consiliare “Suzzara Civica” per la messa in atto di interventi per ridurre la velocità transito autoveicoli in via Villa Inferiore tratto in direzione di Palidano dopo l’incrocio di via Iemmi

Mozione presentata in data 14.02.2018 dal Gruppo Consiliare “Partito Democratico” per la promozione e difesa dei valori antifascisti e costituzionali

Mozione presentata in data 16.03.2018 dal Gruppo Consiliare “Suzzara Civica” affinchè l’amministrazione sensibilizzi le istituzioni scolastiche nell’istituzione di Corsi serali per lavoratori per acquisire il Diploma di istruzione secondaria

Mozione presentata in data 07.04.2018 dal Gruppo Consiliare “Movimento 5 Stelle” relativa all’introduzione degli strumenti del referendum propositivo e abrogativo senza quorum



martedì 1 maggio 2018

LA FESTA DEL LAVORO CHE NON C'E'

Non c’è nulla da festeggiare oggi. Sarebbe la festa del lavoro, ma sono in tanti a non avere motivo di gioire. Il tasso di disoccupazione nella nostra provincia è ancora alto ed equivale ad avere oltre 14mila disoccupati. Il dato più allarmante è che aumenta l’occupazione precaria.
E non finisce qui. Cosa dire dell’emorragia di mantovani costretti a fare le valige per trovare un lavoro: nel 2017 sono stati 2300 i mantovani che se ne sono andati all’estero, in media circa 190 al mese.
Sono gli effetti di politiche sbagliate sul lavoro, sostenute o attuate dalle stesse forze politiche della cosiddetta sinistra, che oggi si ritrovano in tutte le piazze italiane a celebrare una ricorrenza che ormai potrebbe essere rinominata la “festa del lavoro che non c’è”.
Come detto, il quadro della precarietà del lavoro è purtroppo sempre più sconsolante. I lavoratori a termine sono sempre di più a livello nazionale, fra questi il 95% ha contratti brevi o brevissimi, perché il dato medio è di 12 giorni con oltre il 33% addirittura che viene chiamato per lavori di un solo giorno.
Se, poi, tocchiamo un altro tema, quello della sicurezza, sul quale il Movimento 5 Stelle di Suzzara insieme alla Commissione lavoro provinciale del M5S sta organizzando un importante evento che si terrà nelle prossime settimane, lo scenario è ancora più preoccupante, perché Mantova in Lombardia per morti sul lavoro è seconda solo a Milano.
Oggi, quindi, ci scuserete se il M5S di Suzzara non sarà presente alla manifestazione organizzata per la festa del lavoro. Secondo noi, non c’è nulla di cui festeggiare. C’è moltissimo da fare a livello politico per restituire al lavoro e ai lavoratori sicurezza e certezze, nuovi strumenti di sostegno per chi perde il lavoro come il reddito di cittadinanza, nuove prospettive per i giovani per arrestare la fuga all’estero di molti di loro.
Noi vogliamo proporci e confrontarci sui contenuti, come abbiamo sempre fatto in questi anni, anche a livello locale, chiedendo di intervenire con risultati concreti in aiuto ai lavoratori della ex Tasselli e a tutti quei suzzaresi rimasti in questi anni senza lavoro, discutendo di reddito di cittadinanza o presentando la ricerca sui cambiamenti del mercato del lavoro nei prossimi dieci anni.
E allora buona “festa” del lavoro che non c’è a tutti.

martedì 10 aprile 2018

IL M5S CHIEDE L'INTRODUZIONE DEL REFERENDUM COMUNALE SENZA QUORUM

Il MoVimento 5 Stelle di Suzzara ha depositato una mozione per chiedere all'amministrazione comunale di attivare l’iter necessario ad introdurre nell’ordinamento del Comune di Suzzara lo strumento del referendum propositivo e abrogativo senza quorum minimo ovvero senza una soglia minima percentuale di votanti che renda valida la consultazione (quorum zero). Con la mozione è stato chiesto, quindi, di modificare lo Statuto Comunale e, se necessario, ad introdurre un Regolamento Comunale che disciplini i referendum senza quorum.
Il referendum è uno strumento di esercizio della sovranità popolare, sancita all'art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana, e l'esito referendario costituisce, secondo la dottrina prevalente, fonte del diritto primaria che vincola i legislatori al rispetto della volontà del popolo.
La legislazione Italiana, a livello nazionale, non pone veto agli strumenti di “democrazia diretta e partecipata” nel caso fossero posti in essere a livello locale. Secondo la legislazione vigente, quindi,  le amministrazioni locali possono scegliere se svincolare dalla consistenza del corpo elettorale le proprie consultazioni referendarie, incoraggiando e promuovendo il principio del “chi partecipa decide”, come hanno già fatto numerosi Comuni in Italia.
Lo Statuto del Comune di Suzzara, all’art.53 prevede già l’istituto del referendum, con il quale tutti gli elettori iscritti nelle liste elettorali del Comune sono chiamati a pronunciarsi su questioni di interesse dell'intera comunità locale e in materie di esclusiva competenza comunale, ma vincola la validità del referendum alla partecipazione al voto della maggioranza assoluta degli aventi diritto e all’ottenimento della maggioranza dei voti validi.
Pensiamo che sia di fondamentale importanza attuare tutti gli strumenti idonei a favorire e incoraggiare la partecipazione dei cittadini al governo della città, fra cui l’introduzione nello statuto comunale degli strumenti del referendum propositivo e del referendum abrogativo senza quorum per consentire ai cittadini di pronunciarsi rispetto a scelte fortemente impattanti sul tessuto urbano o sociale secondo il principio “chi partecipa decide”.

sabato 7 aprile 2018

18PLUS SENZA M5S E TUTTA L'OPPOSIZIONE IN SEGNO DI PROTESTA: CONVOCATI PER STARE IN SILENZIO!

Questa mattina avremmo voluto incontrare i neo-diciottenni in occasione della manifestazione “18Plus”, come ormai consuetudine ogni anno, rivolgere loro alcune parole, portando la nostra esperienza di consiglieri comunali e, quindi, di rappresentanti delle istituzioni, rispondere alle loro domande e confrontarci con loro, perché questa giornata così importante dovrebbe fondarsi proprio sul confronto e lo scambio di informazioni tra neo-maggiorenni e rappresentanti del mondo politico suzzarese, a prescindere dal colore e dall’appartenenza a questo o quello schieramento. Il confronto è il sale della democrazia, così come la partecipazione e la possibilità di dare voce a tutti, sia che si appartenga alla maggioranza che all’opposizione.
Purtroppo, oggi, a malincuore, siamo stati costretti a rinunciare a questa possibilità e come M5S non abbiamo partecipato alla manifestazione (unitamente a tutti i gruppi dell'opposizione) in segno di protesta per essere stati esclusi non solo dall’organizzazione dell’iniziativa, pianificata dalla maggioranza senza possibilità di apportare alcuna modifica alla formula individuata, ma anche dal dibattito inspiegabilmente cancellato.
Poco di più 24 ore prima dell’evento, infatti, una mail ci ha informato che avremmo dovuto presentarci alle ore 9.30 per fare le “prove” per la fotografia di rito, riservata solo a giunta e capigruppo (escludendo quindi tutti gli altri consiglieri); abbiamo, inoltre, appreso che non erano previsti interventi politici da parte dei consiglieri, ma che solo gli assessori avrebbero potuto rispondere alle domande dei ragazzi.
Ci sembra evidente che questa volta non potevamo soprassedere, ma era doveroso esprimere tutto il nostro disappunto verso la scelta della maggioranza Pd, che ha stravolto la modalità di svolgimento dell’iniziativa, relegando i consiglieri dell’opposizione al silenzio e concedendo ai soli capigruppo l’onore della foto insieme alla giunta e ai ragazzi. E’ l’esatta antitesi di quanto si vorrebbe trasmettere ai neo-diciottenni con questa manifestazione, la dimostrazione di una scelta politica che non tiene in alcuna considerazione il contributo e il ruolo dell’opposizione, che – ricordiamolo – a Suzzara rappresenta circa 4000 cittadini! E forse ancora di più se pensiamo ai risultati delle recenti elezioni politiche.
Fra l’altro, in occasione del 18Plus le richieste dell’opposizione sono spesso state ignorate. Come M5S vorremmo (e lo abbiamo chiesto più volte in questi anni) che l’amministrazione comunale in questa occasione promuovesse la partecipazione dei neo-diciottenni ad alcune sedute del consiglio comunale per favorire la conoscenza diretta del funzionamento dell’istituzione comunale. Ma questa nostra richiesta è purtroppo rimasta lettera morta.
Invitiamo, quindi, i neo-diciottenni, a venirci a trovare ai nostri banchetti nelle piazze di Suzzara, ai nostri eventi e alle tante occasioni di confronto che organizziamo sul territorio per conoscerci e confrontarci sui problemi della nostra città, cercando, così, di guardare la realtà che ci circonda da più prospettive.

giovedì 5 aprile 2018

RACCOLTA DEL VERDE A PAGAMENTO? IL VERDE E’ UNA RISORSA E I CITTADINI VIRTUOSI VANNO PREMIATI, NON TASSATI!

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la proposta, lanciata dall'assessore Bianchi e in fase di valutazione da parte dell'amministrazione comunale, secondo cui in futuro la raccolta del verde potrebbe cambiare, diventando soggetta a pagamento in base alla quantità conferita da parte dei cittadini (come si legge nell'articolo della Gazzetta di Mantova pubblicato nei giorni scorsi).
Il MoVimento 5 Stelle ritiene che il verde, sia pubblico che privato, sia sempre da considerare una risorsa non un costo, a maggior ragione in una cittadina come Suzzara, da sempre caratterizzata da parchi, giardini e viali alberati. Quella di far pagare ai cittadini il conferimento del verde sarebbe una scelta politica totalmente sbagliata, che se verrà attuata, incoraggerà l’abbandono selvaggio di rifiuti nei fossi (un fenomeno purtroppo già molto diffuso) e potrebbe disincentivare il mantenimento e la cura del verde privato, cosa altrettanto grave.
Al di là di questo, i cittadini che si recano in discarica per conferire il verde o qualsiasi altro materiale per differenziarlo correttamente vanno premiati, non tassati. Così come va mantenuta la possibilità per gli utenti di scegliere se richiedere il ritiro del verde a domicilio (già esistente e giustamente a pagamento) o recarsi direttamente in discarica usufruendo di un servizio che deve restare assolutamente gratuito.
Il discorso sulla presunta equità di trattamento riferita a chi non ha un giardino, che sarebbe alla base della proposta, non regge, a nostro avviso, perché vi sono altri servizi, come per esempio, la galleria civica, i cui costi sono ben più alti (240.000 euro all’anno circa) e ricadono su tutti i cittadini, anche su quelli che non visitano la galleria!

mercoledì 28 marzo 2018

NOTIZIE DAL CONSIGLIO COMUNALE

Il M5S ha espresso forti criticità sui risultati economici della galleria civica nell'ambito della determinazione della misura percentuale dei servizi a domanda individuale: la percentuale di copertura del servizio della galleria d'arte è sceso dal 3,24% all'1,20%.
In quattro anni la galleria è costata quasi un milione di euro ai suzzaresi a fronte di entrate che si aggirano attorno ai 40mila euro. Purtroppo, oltre al dato economico, che ricade su tutti i cittadini, perché per visitare la galleria non si paga alcun biglietto, constatiamo che non si è realizzata l'attesa valorizzazione a livello nazionale dello straordinario patrimonio artistico della galleria, non si è riusciti ad incrementare il numero di visitatori con tutti i benefici sul piano economico ne deriverebbero.
Tariffe rifiuti: voto contrario del M5S. Abbiamo espresso perplessità sulla mancata introduzione di un criterio di premialità: così come chi inquina di più, paga di più, riteniamo che bisognerebbe individuare delle modalità per premiare chi ha un comportamento corretto e virtuoso, per esempio chi si reca puntualmente presso la piattaforma ecologica per differenziare i rifiuti. Invece, nei giorni scorsi abbiamo appreso dell'esistenza di un proposta dell'amministrazione comunale, che sarebbe in fase di valutazione, secondo cui si vorrebbe in futuro introdurre una tariffazione per chi conferisce il verde in discarica. Sarebbe, secondo noi, un grosso errore, perché finirebbe, purtroppo, per incoraggiare l'abbandono selvaggio di rifiuti (un fenomeno già molto diffuso) e per disincentivare il mantenimento e la cura del verde privato, che è una straordinaria caratteristica e risorsa della nostra città.
Ecocompattatori: gli incontri condotti fin qui da parte dell'amministrazione e di Mantova Ambiente con alcune aziende non sarebbero andati a buon fine, per cui, a quanto pare, non saranno installati in tempi brevi. Ciò che altrove è possibile, a Suzzara è spesso un miraggio. Come sempre, saranno i cittadini a giudicare.

domenica 25 marzo 2018

IL M5S INCONTRA I CITTADINI DI SUZZARA

Bellissima mattinata a Suzzara. Parlare con i cittadini è sempre un'emozione, abbiamo incontrato persone entusiaste del risultato ottenuto, finalmente convinte che si è aperta una nuova fase storica. Quanti sorrisi, quanta voglia di cambiamento si respira in piazza.
Il vento sta cambiando e il cielo anche a Suzzara è sempre più stellato. Grazie oggi anche all'amico Stefano Capaldo che ci è venuto a trovare. Suzzara e Viadana sono due gruppi meravigliosi. #suzzara2019

venerdì 23 marzo 2018

VIA NIEVO: SPERIMENTAZIONE TIMIDA!

Ieri sera abbiamo partecipato all’assemblea pubblica organizzata dall’amministrazione comunale sulla questione del traffico in via Nievo e via Villa Inferiore, in cui sono stati presentati i dati delle rilevazioni effettuate dall’Arpa ed è stata illustrata la sperimentazione che prenderà il via a breve. In sostanza, la soluzione individuata consiste nella creazione di un tratto di 70 metri circa di senso unico in uscita nella parte iniziale di via Nievo sino all’incrocio con via Curtatone e Montanara. E’ una soluzione provvisoria, sicuramente, un tentativo e di fatto il primo passo mosso dalla maggioranza dopo circa tre anni di pressing del M5S, delle altre forze dell’opposizione e dei cittadini. Sinceramente, come abbiamo detto ieri sera, ci aspettavamo di più, avremmo sperato in una scelta più coraggiosa da parte di chi governa la città. Quasi tutti i cittadini presenti all’assemblea hanno giudicato in maniera negativa la sperimentazione, considerandola insufficiente in rapporto al traffico che soffoca queste strade e hanno chiesto che il senso unico venga esteso a tutto il tratto di via Nievo e via Villa Inferiore, sino all'incrocio con via General Cantore, come, fra l’altro, il MoVimento 5 Stelle sostiene da sempre.
I dati della prima parte della rilevazione dell’Arpa lungo via Nievo – via Villa Inferiore confermano alte concentrazioni di pm10 sopra i livelli massimi previsti in ben 23 giorni su 58, tipiche di una situazione di inquinamento da traffico veicolare; il limite massimo consentito, oltre il quale scatterebbero misure fortemente restrittive per la circolazione, è di 35 sforamenti nell’arco di un anno. Da questi numeri capite che la situazione è seria, per questo chiederemo che il periodo di rilevazione della qualità dell’aria venga esteso oltre l’estate. Ciò conferma anche che è necessario attuare strategie e modifiche alla viabilità con lo scopo immediato di ridurre la quantità di traffico veicolare (stimato attorno ai 15.000 veicoli al giorno). Per il M5S, lo ribadiamo, l’unica soluzione possibile è trasformare il tratto di via Nievo-Via Villa Inferiore in un senso unico (con eventuale e possibile ztl per residenti) e con la creazione di un percorso ciclopedonale, smistando il traffico sulle altre direttrici esistenti. La sperimentazione prevista dall’amministrazione, seppur rappresenti il primo vero segnale dopo quasi tre anni di voler intervenire, è a nostro avviso insufficiente, in quanto interessa solo un piccolo tratto dell’arteria, lasciando intatto il traffico lungo quasi tutto il percorso. Perché si continua a non capire che la salute dei cittadini viene prima di tutto?
Ripercorrendo quanto abbiamo fatto in questi anni, ricordiamo che il M5S ha promosso la creazione di un tavolo di lavoro sulla viabilità per studiare possibili soluzioni con lo scopo di ridurre il traffico veicolare. Inoltre, il Movimento ha presentato sei interpellanze in consiglio comunale per avere informazioni e dati aggiornati sull’evolversi della situazione e sei mozioni in consiglio comunale proponendo di: avviare modifiche sperimentali alla viabilità; effettuare il monitoraggio dell’inquinamento acustico e della qualità dell’aria; vietare il transito del traffico pesante. Quasi tutte le proposte del M5S sono state bocciate dal Partito Democratico. Solo grazie al pressing continuo del nostro gruppo, effettuato anche a livello regionale dal M5S, è in corso il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico.

lunedì 5 marzo 2018

SUZZARA E DINTORNI, IL VENTO STA CAMBIANDO!

Scriviamo dopo una notte passata ai seggi come rappresentanti di lista insieme ai ragazzi del nostro gruppo e ad altri attivisti dell'Oltrepò che si sono resi disponibili in modo fantastico, rimanendo in servizio fino quasi a mattina. Non possiamo che esprimere grandissima soddisfazione per il risultato nazionale, ma vogliamo soffermarci sul dato locale delle nostre realtà, dove siamo praticamente ovunque la seconda e, a volte, prima forza politica. Questo si deve a un grande lavoro di squadra che insieme alle persone meravigliose, che fanno parte del gruppo di Suzzara, abbiamo svolto in oltre un mese e mezzo di campagna elettorale e in quasi quattro anni di presenza in consiglio comunale a Suzzara e sul territorio. A loro innanzitutto va il nostro ringraziamento.
Il vento sta cambiando a Suzzara e dintorni, ormai è un dato di fatto. A Suzzara il M5S ha ottenuto il 28% (rispetto al 21% del 2013), a Motteggiana siamo la prima forza politica con il 33%, a Gonzaga siamo al 30% (un solo punto dietro al Pd), a Moglia siamo al 22%, a Pegognaga il M5S è quasi al 30%. Sono numeri senza precedenti in territori dai risultati quasi "bulgari" fino a pochi anni fa. Quindi, chi sminuisce questi dati o si aspettava numeri stratosferici sparati come uno slogan in modo ripetitivo, forse non ha ben chiaro lo scenario storico-politico della realtà in cui viviamo.
Consideriamo questi numeri, straordinari per il M5S, comunque un punto di partenza con un occhio ormai alle prossime amministrative del 2019, consapevoli della forza acquisita a Suzzara e nei comuni circostanti dal MoVimento.
Il cielo da oggi è sicuramente più stellato sulle nostre teste.

lunedì 26 febbraio 2018

COME VOTARE IL 4 MARZO: VIDEO CON LE INFORMAZIONI UTILI

Il 4 Marzo ci saranno le elezioni politiche. E' davvero importante votare, perché avremo la possibilità di cambiare il nostro Paese. Votare è semplice: i maggiori di 25 anni avranno due schede, una per scegliere i rappresentanti alla Camera dei Deputati e l'altra per scegliere i rappresentanti al Senato; i minori di 25 anni avranno soltanto la scheda per scegliere i rappresentanti alla Camera dei Deputati.
Nella regione Lazio e nella regione Lombardia ci sarà un'ulteriore scheda a disposizione degli elettori, che potranno utilizzare per scegliere i consiglieri regionali e il Presidente della regione.
Votare è semplice, basta mettere una X sul simbolo del partito o del movimento che avete scelto e che vi piace. Non scrivete altro per evitare che la vostra scheda venga annullata. Mi rendo conto che molti di noi sono sfiduciati e scoraggiati, ma astenersi non è la scelta giusta, perché in realtà chi non vota... vota. Buon voto a tutti! In questo video tutte le informazioni utili!

giovedì 22 febbraio 2018

LUNEDI' 26 FEBBRAIO SERATA CON I CANDIDATI DEL M5S

Lunedì sera a Suzzara, alle ore 21, presso la sala civica di via Montecchi, il nostro gruppo del MoVimento 5 Stelle organizza una serata pubblica per presentare "Il futuro in programma", ovvero i 20 punti per la qualità della vita degli italiani. Parteciperanno tutti i candidati mantovani al Parlamento e alla Regione Lombardia del M5S per un confronto con i cittadini sul nostro meraviglioso programma.
Sarà un'occasione unica per i suzzaresi per conoscere da vicino i candidati, approfondendo le singole tematiche del programma del M5S, l'unico scritto veramente dagli italiani! Saranno presenti a Suzzara: i candidati alla Camera, Stefano Capaldo (collegio uninominale di Suzzara), Alberto Zolezzi (collegio uninominale di Mantova) e Maria Berardi; i candidati al Senato, Debora Carra e Fabio Falchi; i candidati al consiglio regionale Andrea Fiasconaro, Raffaella Scattolon, Marco Scardovelli e Rosanna Panella. Un appuntamento da non perdere, anche perché sarà l'ultimo organizzato a Suzzara nel corso di questa campagna elettorale. Vi aspettiamo!

martedì 20 febbraio 2018

TRE INTERPELLANZE DEL M5S IN CONSIGLIO

Stasera alle ore 21 torna a riunirsi il consiglio comunale. Il MoVimento 5 Stelle ha presentato tre interpellanze, che apriranno la seduta, sulle recenti potature delle alberature, sulle agevolazioni alla scuola di musica comunale e sul canile intercomunale.
Nella prima abbiamo chiesto di relazionare su tutti gli interventi di potatura effettuati negli ultimi mesi e di illustrare i motivi che hanno portato alla scelta di procedere agli abbattimenti di alcune alberature.
In merito alla scuola comunale di musica, alla luce della nostra mozione approvata lo scorso anno, abbiamo chiesto quale riduzione o agevolazione l’amministrazione intenda attivare nel corso dell’anno 2018/2019 per favorire l’accesso al servizio a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro condizione economica.
Infine, torniamo a occuparci del canile intercomunale. Nelle ultime settimane sono emerse segnalazioni da parte di alcuni cittadini circa la presunta difficoltà relativa alla procedura di adozione dei cani presenti nella struttura. Abbiamo, quindi, chiesto di verificare il numero dei cani presenti nella struttura dal 2008 a oggi attribuiti al Comune di Suzzara, distinguendo per ogni anno il totale degli animali ospitati, il numero di ingressi e il numero di animali dati in adozione.

martedì 6 febbraio 2018

UNA DUE GIORNI A 5 STELLE NELL'OLTREPO' MANTOVANO

La #maratona5stelle dell'Oltrepò Mantovano si appresta a vivere due importanti eventi informativi che si terranno la prossima settimana, organizzati dal gruppo di Suzzara del MoVimento 5 Stelle.
A Suzzara giovedì 15 febbraio si parlerà di "Lavoro & Pensioni": alle ore 21 alla sala civica di via Montecchi ci sarà il portavoce e candidato al Senato del M5S, Danilo Toninelli, che parlerà dei cambiamenti che interesseranno il mondo del lavoro e della proposta "quota 41" presentata dal M5S sul tema delle pensioni. La serata sarà moderata da Stefano Capaldo, candidato alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Suzzara. Interverranno i candidati mantovani del M5S alle elezioni politiche e regionali.
Venerdì 16 febbraio, a Pegognaga, presso la sala civica alle ore 21, si terrà l'evento "Il futuro in programma" con la partecipazione di tutti i candidati mantovani del M5S alle elezioni politiche e regionali, che presenteranno i 20 punti del programma per la qualità della vita degli italiani, confrontandosi con i cittadini. Sarà il primo evento organizzato dal MoVimento a Pegognaga con la speranza di favorire presto la nascita di un gruppo pentastellato locale.

giovedì 1 febbraio 2018

IN PIAZZA A SUZZARA SABATO 3 FEBBRAIO

Nuovi appuntamenti con la nostra maratona dell'Oltrepò Mantovano. Sabato 3 febbraio saremo a Suzzara, in piazza Castello, in occasione del mercato settimanale con il nostro gazebo, dalle ore 9.30 alle 11.30. Verranno a trovarci alcuni dei candidati del M5S alle regionali e alle politiche per incontrare i cittadini e spiegare i punti salienti del programma del MoVimento. L'appuntamento a Suzzara si ripeterà anche sabato 10 e sabato 17 febbraio. Inoltre, mercoledì 14 febbraio, saremo a Gonzaga in piazza Matteotti, dalle 10.30 alle 12.30. A giorni, infine, renderemo noto il programma delle assemblee pubbliche con i cittadini e gli attivisti.

mercoledì 24 gennaio 2018

LA MARATONA CONTINUA A MOGLIA E A SUZZARA!

Nuovi appuntamenti con i nostri banchetti a 5 stelle. Sabato 27 gennaio saremo in piazza Libertà a Moglia, in occasione del mercato settimanale, dalle ore 10 alle 12 con tutto il materiale divulgativo relativo al programma nazionale e regionale del MoVimento 5 Stelle. Domenica 28 gennaio, sempre dalle 10 alle 12, saremo in piazza Castello, in prossimità della torre civica, con il nostro banchetto per incontrare i cittadini di Suzzara, in occasione del mercatino dell'antiquariato.

giovedì 18 gennaio 2018

LA MARATONA A 5 STELLE CONTINUA

Ecco il calendario con le date dei nostri banchetti del mese di gennaio nell'Oltrepò Mantovano per incontrare i cittadini e far conoscere il programma del MoVimento 5 Stelle.
Sabato 20 gennaio, dalle ore 10 alle 12, saremo a Suzzara, in piazza Luppi, in occasione del mercato settimanale, mentre domenica 21 gennaio, sempre dalle 10 alle 12, saremo a Motteggiana, in via Roma. Saranno con noi portavoce e candidati mantovani alle prossime elezioni regionali e politiche. Vi aspettiamo numerosi!

sabato 6 gennaio 2018

MARATONA 5 STELLE AL VIA DA SUZZARA

Signori, si comincia. A Suzzara e nei comuni del Basso Mantovano saremo presenti ogni settimana a partire da sabato 13 gennaio con i nostri banchetti informativi per divulgare il programma del MoVimento 5 Stelle insieme ai candidati pentastellati. Venite ad incontrarci e partecipate numerosi. Nei prossimi giorni pubblicheremo il calendario con le tutte le date per Suzzara e per i diversi comuni della nostra area (Pegognaga, Moglia, Motteggiana, Gonzaga...).