mercoledì 18 luglio 2018

LAVORO, SERVONO RISPOSTE URGENTI: INTERPELLANZA DEL M5S DI SUZZARA

Il Movimento 5 Stelle a Suzzara in questi quattro anni di mandato all’opposizione ha mantenuto costante la sua attenzione alle problematiche locali del lavoro attraverso la presentazione di atti ufficiali, la promozione di un consiglio comunale aperto sul tema e una serie di iniziative pubbliche con la partecipazione di esponenti politici nazionali, che hanno registrato l’interesse di numerosi cittadini.
In una recente intervista, pubblicata sul periodico locale “L’Eco di Suzzara”, il sindaco ha dichiarato che “l’economia industriale del nostro territorio è tornata a livelli precedenti la grande crisi”, ma il quadro occupazionale della nostra realtà, purtroppo, appare ben diverso.
Come appreso dal servizio apparso sulla “Gazzetta di Mantova” il 23 marzo scorso, “nel 2017 il tasso di disoccupazione della provincia di Mantova ha rosicchiato 1,3 punti percentuali rispetto all’anno precedente, scendendo dall’8,7% al 7,4%. Risultato che l’affranca dalla maglia nera tra le dodici provincie lombarde, passata sulle spalle fragili di Como (8,4%). Ma il sollievo è relativo, il nero si è solo sbiadito in grigio: Mantova è seconda in questa classifica alla rovescia, dove al fondo si sta decisamente meglio che in vetta”.
Come attestano gli ultimi dati disponibili relativi all’anno 2016, nella nostra provincia vi sarebbero circa 14.000 disoccupati, di cui oltre 2300 nel territorio del distretto suzzarese e se anche vi fosse stata in questo ultimo anno e mezzo una diminuzione del numero di disoccupati, questa sarebbe esclusivamente spiegabile con la forte crescita di avviamenti con contratti flessibili, tempi determinati in particolare, e la forte riduzione del numero dei tempi indeterminati.
La situazione di crescente precarietà della realtà suzzarese è testimoniata anche dai dati della Caritas, che attestano come, rispetto al 2016, per il 2017 lo stato di bisogno non sia diminuito con ben 760 situazioni che si sono presentate agli operatori per chiedere un aiuto, di cui 142 per la prima volta.
Per tutte queste considerazioni, abbiamo chiesto con un'interpellanza depositata nei giorni scorsi quali iniziative concrete abbia avviato o abbia in programma a breve l’Amministrazione comunale in sinergia con le altre istituzioni del territorio, per dare una risposta concreta alla problematica della precarietà, della disoccupazione e del reinserimento lavorativo di chi ha perso il lavoro in questi anni.
A conferma della situazione di estrema precarietà arriva oggi sulla "Gazzetta" l'appello alla mobilitazione da parte dei sindacati proprio in riferimento alla realtà suzzarese.

Nessun commento:

Posta un commento